CATEGORIE
ULTIMI POST
ARCHIVIO
TAG CLOUD

Il Team Building in azienda: necessario se vogliamo far ripartire la macchina

Scritto il 30 ottobre 2019 - 0 Commenti

A chi non è mai accaduto di restare in panne con la propria auto? Chiamare un carroattrezzi o il soccorso dell’assicurazione è ciò che facciamo di solito se la macchina non vuole proprio saperne di ripartire, ma la soluzione immediata, o il tentativo estremo nella speranza che il miracolo si compia, non è forse, dai tempi dei tempi, quella domanda che di solito rivolgiamo a un gruppo di persone che vediamo passare insieme e fa: “Salve! Non è che gentilmente potreste darmi una spinta?” E a volte quella spinta funziona. Non è difficile capire il perché: più forze individuali, ognuna con le sue caratteristiche di intensità, con un unico obiettivo (e un solo autoveicolo su cui spingere). Ecco, potrei partire da qui. Perché oggi voglio parlarvi della forza e della collaborazione di una squadra che, proprio come per spostare una macchina, è sempre più necessaria in ogni azienda affinché sia sana e competitiva.

Oggi è infatti chiaro a tutti quanto la competitività di ogni organizzazione e impresa sia direttamente proporzionale alla capacità dei propri team di lavoro di condividere gli obiettivi, e anche di mantenere sempre alta la motivazione a raggiungerli. Solo così il lavoro di squadra può essere efficace e arrivare a buon fine in un progetto, un esperimento, un traguardo di vendite, di acquisizione di rapporti e relazioni, e così via. Qualunque sia l’obiettivo in ogni fase e in ogni area, c’è bisogno di collaborazione tra i singoli. L’unione del resto fa la forza, o no?

A volte sentiamo dire, a proposito di un’azienda, che le persone e le risorse che ci lavorano sono poco affiatate, che ognuna “tira l’acqua al suo mulino” coltivando i propri interessi personali e sgomitando a discapito dei colleghi e che per questo quel progetto o quell’attività non andrà da nessuna parte. Nulla di più vero. Come possiamo, dunque, cambiare le cose? Come riusciamo a migliorare quello spirito di gruppo necessario per il successo di un’impresa? Lavorandoci su e utilizzando quelle attività appositamente studiate per “costruire” una buona squadra che sia collaborativa, complice, ben composta, affiatata e che punti dritta ad un unico obiettivo. Ecco perché le attività di Team Building sono importanti: utilizzando la metafora, si mettono in parallelo i comportamenti utilizzati nell’attività specifica, solitamente divertente e appagante, con quelli agiti in azienda e grazie ad un linguaggio e ad un percorso ad hoc, si rende possibile il loro passaggio da un livello all’altro. In pratica: se i partecipanti ad una scalata di roccia collettiva imparano a collaborare tra loro, a passarsi la corda, a sostenersi e a puntare tutti insieme verso il raggiungimento della vetta, sarà più facile per loro che anche in ambito lavorativo si ritrovino ad adottare tali modalità nel loro agire quotidiano.

Naturalmente esistono tante e differenti attività di Team Building per ogni tipo di azienda e per ogni genere di “squadra” che vi lavora all’interno, e includono sempre un Trainer conduttore dell’attività e, nel caso, anche degli assistenti, per cui ogni responsabile di risorse umane potrà facilmente trovare l’attività perfetta per il suo contesto lavorativo. Per questo io consiglio sempre di studiare la situazione e rivolgersi ad esperti del settore. Come noi. Vi aspettiamo.

Nessun Commento

Scrivi il tuo commento